Siamo continuamente sottoposti a stimoli, esterni o interni che il nostro corpo cerca di integrare.
Lo  stress è  il momento fra la stimolazione e l’adattamento.

In realtà questa è una fase positiva che permette al corpo di valutare lo stimolo ed adattarsi in  modo appropriato.   Spesso però non riesce ad adattarsi completamente alla stimolazione e gli rimane un residuo di stress, con il tempo questo si accumula nell’organismo creando effetti negativi nei vari sistemi.

Il tessuto corporeo ha una sua memoria. Esso registra le immagini, i suoni, l’odore, il gusto e le stimolazioni che sono presenti durante una esperienza traumaticao durante un periodo di stress nella vita di una persona.La forza vitale viene ancorata così al sistema di stress e di compensazioni create  del corpo, e non è disponibile per essere usata nel presente.

Abbiamo due tipi di stress:  micro-stress  e macro-stress.

Il micro stess  è dato dall’accumularsi nel tempo di abitudini negative, condizionamenti esterni, sentimenti inespressi, pensieri negativi, ecc.
Il  macro stress è dovuto a traumi improvvisi, shock, veleni, eventi drammatici, ecc.

Lo   stress  ci può colpire a vari livelli:

FISICO        cattiva postura        traumi, incidenti
CHIMICO    cibo, ambiente        veleni
EMOTIVO    sentimenti inespressi        shock
PSICOLOGICO    condizionamenti         situazione drammatica
SPIRITUALE    non accettazione di sè     confronto negativo con un gruppo

Dalla mancanza di informazioni risultante da uno  stress irrisolto può avere inizio una condizione di vuoto e di bisogno profondi.
Osservando la postura possiamo notare lo stress presente nell’organismo.

La funzione dei nostri sistemi energetici è direttamente collegata alla nostra condizione biologica, emotiva e psicologica, ed essa viene espressa dalla postura. Spesso noi cerchiamo di cambiare ma contemporaremeamente siamo spaventati dal cambiamento, e sperimentiamo  situazioni  ripetitive, cambiano i luoghi e le persone ma l’impatto o il risultato finale sembra sempre lo stesso.
Per ottenere cambiamenti reali all’esterno dobbiamo prima apportare dei cambiamenti dentro di noi.

Pur essendo i problemi esistenziali  eguali per tutta l’umanità, il processo di guarigione è unico e speciale per ognuno di noi.  E’  perciò necessario saper valutare le priorità nel trattamento.
La priorità è la cosa più urgente (l’area del corpo o il sistema  energetico che più urgentemente necessita di essere trattata o trattato), modificando la quale si crea una risposta di tutto il sistema energetico della persona.
Una buona analogia per il concetto di priorità e la sequenza di trattamento è quella della combinazione di una cassaforte,  per aprirla dobbiamo usare i numeri giusti nella sequenza  giusta.

Lo Shiatsu tramite  all’azione della pressione  sui canali energetici aiuta l’organismo a integrare situazioni di stress irrisolto, facilita ia comunicazione nei vari livelli sia fisico, emozionale e mentale e facilita la persona a esprimere il tuo potenziale creativo migliorando così il suo stato di salute.

Annunci

Commenti su: "Gli effetti dello Shiatsu sullo Stress" (1)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: